Chiesa della Commenda - Ravenna Intorno

Vai ai contenuti principali
Ravenna Intorno
 
Oggi è Lunedì 18 Novembre 2019 Ora corrente
 
 
Sei in: Home | Cultura | Edifici religiosi | Chiesa della Commenda

Chiesa della Commenda - Faenza

Girolamo da Treviso "Il Giovane", Madonna in trono. Particolare: Santa Caterina d'Alessandria.
Indirizzo:
Corso Europa-Piazza Fra Sabba da Castiglione
Orari di apertura: ore 9-19
 
 
ABQIAAAAJV9R2POcv19E81OjCYoEnxQU3eDKGnJ6asOTVZq4W_Tu01Jf1RQjgn3m1WE0ub_T7yA020TYkq2Uhw
13
44.281942
11.892957
ajax-map-6398

Fondata nella prima metà del XII secolo, la Chiesa della Commenda è il monumento principale del borgo Durbecco, di origine medioevale e cinto da mura del Quattrocento. Venne eretta assieme all'adiacente Ospizio del Santo Sepolcro, per ospitare pellegrini diretti o provenienti dalla Terra Santa; già nel XIII secolo entrò in possesso dei Cavalieri dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme (poi di Malta), che la gestirono sempre attraverso Commendatari, cioè abati cui l'edificio era affidato anche da un punto di vista economico.

Tra questi ultimi il più illuminato fu il milanese Fra Sabba da Castiglione, dotto umanista che, ritiratosi a Faenza nel 1517, promosse restauri e chiamò a lavorare vari artisti. Fra i principali interventi vanno ricordati il chiostro e il grande affresco del catino absidale ad opera di Girolamo da Treviso il Giovane. In questa, che resta l'opera d'arte più affascinante della Commenda, compaiono lo stesso Fra' Castiglione in abiti da frate "guerriero" in atto di adorazione della Vergine tra sante.
L'altra opera importante e sulla parete di sinistra e consiste in un affresco monocromo, delicatissimo, con Fra Sabba ormai vecchio, presentato da San Giuseppe (patrono della buona morte) alla Vergine. Sotto c'è la sua lastra tombale, con epigrafe latina da lui stesso composta e, ai lati, le figure allegoriche della Pietà e del Silenzio.